Ricerca Avviata

PIANO SCUOLA 4.0 PNRR


PROGETTO "NON UNO DI MENO: AMBIENTI INNOVATIVI PER L’INCLUSIONE"

Con decreto del Ministro dell’istruzione n. 161 del 14 giugno 2022 è stato adottato il Piano Scuola 4.0. Il Piano è previsto dal PNRR quale strumento di sintesi e accompagnamento all’attuazione delle relative linee di investimento e intende fornire un supporto alle azioni che saranno realizzate dalle istituzioni scolastiche nel rispetto della propria autonomia didattica, gestionale e organizzativa. Con il PNRR, il Ministero dell’istruzione, nell’ambito della linea di investimento “Scuola 4.0”, ha inteso investire 2,1 miliardi di euro per la trasformazione delle classi tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento e nella creazione di laboratori per le professioni digitali del futuro e, al tempo stesso, con un’altra specifica linea di investimento, promuovere un ampio programma di formazione alla transizione digitale di tutto il personale scolastico.

 

Il progetto "NON UNO DI MENO: AMBIENTI INNOVATIVI PER L'INCLUSIONE", rivolto agli alunni e alle alunne dei plessi di scuola primaria e secondaria di I grado dell'Istituto Comprensivo "Giovanni Cena" di Latina, prevede la realizzazione di ambienti didattici innovativi, secondo una soluzione ibrida dettata dai diversi spazi fisici che caratterizzano i vari edifici scolastici. Verranno trasformate la metà delle aule, secondo il target previsto (15), in nuovi ambienti di apprendimento digitali (fissi e tematici), che saranno forniti di una dotazione individuata come essenziale dal team di progettazione: monitor interattivo, sistema per la videoconferenza, dispositivi portatili, connessione wireless e accesso, per ciascun alunno, alla piattaforma Google Workspace for Education per l’apprendimento e la comunicazione digitale. Le aule tematiche interdisciplinari, saranno fornite, oltre alla dotazione di base, di arredi modulari, flessibili e configurabili in rapporto all'attività svolta, e di software per lo studio attraverso la realtà virtuale e aumentata. La trasformazione sarà accompagnata dal cambiamento delle metodologie e delle tecniche di insegnamento/apprendimento che mireranno al superamento della lezione frontale per favorire l'apprendimento cooperativo, il potenziamento delle tecniche di problem solving, lo sviluppo del pensiero divergente e computazionale, la motivazione e il benessere in aula, l’educazione permanente. L’azione necessiterà dell’integrazione, all’interno dei curricula dei diversi ordini di scuola, di attività, metodologie e contenuti volti al recupero e al potenziamento delle competenze di base linguistiche ed espressive, allo sviluppo delle competenze STEM, digitali e di innovazione, al favorire un apprendimento di qualità che garantisca il successo formativo di tutti gli alunni e la riduzione della dispersione scolastica. Il tutoraggio on line, la didattica laboratoriale, la personalizzazione degli apprendimenti, l’utilizzo di software e dispositivi digitali consentiranno al corpo docente di creare percorsi formativi motivanti finalizzati all’inclusione e alle pari opportunità, in modo da superare le attuali criticità. Si tratta di una progettazione pluriennale di ampio respiro, volta a promuovere la trasformazione digitale dell’intera organizzazione scolastica e dei processi di apprendimento e insegnamento, in coerenza con il quadro di riferimento europeo delle competenze digitali DigComp 2.1 (per studenti) e DigCompEdu (per docenti).

Allegati